presentazione libroTorino 15 maggio ore 21, Arredamenti Chave 1890 via Pietro Micca 15.  

Presentazione del libro: LA FELICITA’ AL POTERE, Jose “Pepe” Mujica, a cura di  Cristina Guarnieri e Massimo Sgroi, editori EIR.

in collaborazione con Assemblea Teatro, letture di Veronica Caissiols e Sax Nicosia. Serata coordinata da Darwin Pastorin.

———————————————————————————————————————–

“Pepe” Mujica: da guerrigliero a Presidente dell’Uruguay. Da ribelle Tupamaros contro la dittatura degli anni Settanta a icona di un nuovo modo di fare politica. Dopo anni di prigionia e torture, oggi il “Pepe” è universalmente conosciuto come il politico anticonformista per eccellenza.

Gran parte del suo stipendio è per i più bisognosi, così come le stanze del Palazzo presidenziale. Per lui è molto meglio vivere nella sua chacra in campagna a contatto con gli animali e con Lucía, compagna di mille battaglie, oggi Senatrice della Repubblica.

Mujica è l’artefice di una politica nuova. Per noi, vista la situazione italiana, è normale chiederci: “esiste veramente quest’uomo o è pura fantasia?”. Al di là del vivere come un normale cittadino, ha incentivato la scuola e l’istruzione nel suo Paese (ecco appunto!), ha aperto ai matrimoni gay, ha intensificato la lotta contro la mafia, ha puntato sull’auto-gestione delle imprese, la cura dell’ambiente, la liberalizzazione della marijuana, ha criticato la società del consumo… insomma è lontano anni luce dall’intera classe politica mondiale.

————————————————————————————————————————

Il libro di Cristina Guarnieri racconta Mujica sotto diversi punti di vista. Alla presentazione, coordinata magistralmente dal giornalista italo-brasiliano Darwin Pastorin, profondo conoscitore del Sud America e ammiratore del “Pepe”, eravamo presenti anche noi. cristina guarnieri

Il libro, ha spiegato durante la serata l’autrice, è diviso in tre parti. La prima è una brillante biografia romanzata della vita del “Pepe” curata da Massimo Sgroi. Nella seconda parte viene riportata un’intervista esclusiva a Mujica realizzata da Cristina nel marzo del 2014. L’ultima parte raccoglie i discorsi tenuti dall’ex Presidente uruguaiano in occasione di visite istituzionali e assemblee internazionali.

Raccontando la sua storia e rispondendo alle brillanti domande della Guarnieri, “El Pepe” regala una lezione di pensiero e di vita al lettore. Si assiste al racconto di un uomo cresciuto guerrigliero e divenuto saggio nella maniera forse più atroce: la prigionia per ben otto anni dentro a un pozzo, da solo.

Un’esperienza del genere per noi, generazione che non ha assistito a guerre o a deprivazioni, è quasi impossibile da immaginare. Verrebbe spontanea come risposta la vendetta. Invece no. Pepe Mujica ci insegna che la vita è un continuo guardare in avanti, un cammino che deve essere felice, a testa alta e occhi protesi verso nuovi orizzonti, senza dimenticarsi del passato certamente, ma non si può vivere nel passato. Questo forse è l’insegnamento più grande che il Mujica pensatore ci ha regalato, ed è un modo di pensare rivoluzionario. Come rivoluzionarie sono le riforme prima citate ma delle quali bisogna far attenzione a non cedere a facili esaltazioni mitizzando una persona che è, fondamentalmente, normale. Lentezza, amore per la terra e le persone, futuro. Concetti per noi molto lontani ma grazie ai quali la felicità può davvero andare al potere.

Durante la chiacchierata non sono mancati i momenti di lettura e di riflessione, così come un doveroso omaggio allo scrittore, pensatore, narratore e giornalista uruguaiano Eduardo Galeano, recentemente scomparso e apprezzato in tutto il mondo.

In questo video Cristina Guarnieri racconta al pubblico come è riuscita ad arrivare ad intervistare Mujica:

[youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=KTnt6ASeV4s” width=”560″ height=”315″]