459079854-113-k8QF-U901052326620gEI-620x349@Gazzetta-Web_articoloParafrasando Chaplin, “Una domenica senza serie A è una domenica persa”. Vero solo in parte, dato che la scorsa ha visto scendere in campo l’Italia di Conte contro una Croazia agguerritissima, in campo e sugli spalti. L’Italia soffre ma ha carattere e, nonostante il quarto d’ora di sospensione, causato da tafferugli nel settore ospiti, con annesso un simpaticissimo lancio di fumogeni in campo, strappa un pareggio importante. Candreva apre le danze, Buffon versione Duffy Duck smorza gli entusiasmi.

 PROMOSSI:

Il fastidio muscolare avvertito da Balotelli, che lo ha rispedito a casa anzitempo. Ma a me piace pensare che sia stato quel briciolo di meritocrazia superstite che lo ha riportato a Londra. Sterile sotto porta e mai coinvolto nella manovra. Certo non l’uomo della provvidenza. Ma chissà cosa ne pensa la Puma, marchio tedesco che versa metà dello stipendio di Conte, nonché sponsor tecnico del Balo, di questo fastidio muscolare? Roba da Adam Kadmon.

L’arbitro Kuipers, olandese, che nel momento del disordine croato ha mantenuto il sangue freddo e ha sospeso la partita. Scelta giusta al momento giusto. Dirige il resto della gara senza troppi patemi. Coraggioso.

 BOCCIATI:

I tifosi croati. Appurato che sarebbe il caso di vietare le trasferte in caso violenza, anche non recidiva, il mio pensiero va a chi ieri sera, era allo stadio a vedersi la Croazia, magari con moglie e figli al seguito. Perché continuare a rovinare lo sport più bello del mondo, precludendo la possibilità a molti di godersi novanta minuti di sport? Domande trascendentali che troverebbero risposta nella Daspo a vita.

Gigi Buffon. Non voglio fare illazioni (o forse sì?) ma le cose sono due: o la d’Amico non gli ha fatto troppo bene (ma non credo, vista la caratura della giornalista più sognata di Sky), oppure è troppo vecchio per chinarsi a raccogliere quelle rasoiate terra-terra. Il pensionamento è un diritto, Gigi, mica una disgrazia.

 RIMANDATI:

Ciro e Zaza, che questa volta pungono meno dell’ape Maia. Coraggio e sacrificio, testa e cuore. Invece sembrano stracchino e rucola.