L’affluenza dei votanti al ballottaggio di Ostia ci ha dato il vero risultato di queste elezioni novembrine: la politica ha perso.

Ostia è un municipio di Roma, grande come una città grande, che è salita agli onori della cronaca solo – in realtà non è vero, pochi ma bravi giornalisti si occupano della città e dei suoi problemi da anni – da qualche settimana. Ci è voluta una testata ad un giornalista e qualche manifestazione (ironia della sorte ha voluto che ci fossero al loro interno delle contestazioni ai giornalisti). Ma Ostia con i suoi problemi sociali di mafia, droga, violenza e povertà è una rappresentazione dell’Italia. Specifico che è “una” e non “la” perchè l’Italia è tante cose ma è anche Ostia.

Lo stato ad Ostia ha perso e con lui la politica, sia quella nazionale che quella locale. Il 33% di affluenza non è un segnale, è una pietra tombale. E’ il futuro che avanza verso di noi.

Da Ostia possiamo spostarci in tanti altri comuni italiani, l’affluenza è sempre più bassa ed è tenuta viva da chi a votare ci va ancora per dovere civico. Il voto giovanile è in picchiata e di questo passo il 33% sarà un gran risultato. Aspettare per vedere. La politica locale è ridotta male. Budget sempre più stretti e una endemica mancanza di idee e visione del futuro, costringono gli abitanti dei comuni ad assistere a spettacolini indegni. Sindaci, assessori e consiglieri comunali, che dovrebbero essere il meglio che una città può esprimere, sono spesso il meno peggio che si è potuto raccattare da in giro.

Personaggetti boriosi e incapaci nonostante l’altissima considerazione che hanno di se stessi, sono legati mani e piedi ai grandi “potentati di paese” che in campagna elettorale li aiutano a racimolare i voti necessari. Raramente qualche buon politico (o anche solo persona di buon senso) compare ma molto più spesso viene relegato a posizioni di minor se non nessuna importanza o potere decisionale. E’ più importante fare 2 selfie al giorno mentre si beve vino mangiando tartufo, giusto per continuare ad arricchire l’immagine snob ed elitaria, che far diminuire il traffico. E’ più importante spendere vagonate di soldi per la manutenzione delle rotonde che per gli sportelli antiviolenza.

Poi ci stupiamo che la gente a votare non ci va più. Ma come si possono votare degli inetti (quando va bene) o dei bugiardi cronici? La gente ormai odia il politico, anche se lo ha votato il mese prima. Il gradimento di un sindaco o un assessore crolla dopo il primo anno nel 90% dei casi. E spessissimo a ragion veduta. Amministrare non è semplice ma non si viene nemmeno obbligati a farlo. Allontanando le persone dalla politica si creano dei vuoti che vengono e verranno riempiti da chi vuole sfruttare la cosa per il proprio tornaconto o per interessi poco puliti.

E il ciclo vizioso della mala politica continua e si ingigantisce, fino a toccarci tutti, indipendentemente da dove abitiamo. Basterà una giornata di sole per fare in modo che nessuno vada a votare, a sprecare 10 minuti del proprio tempo. Ma saranno finiti gli Spada su cui far ricadere tutte le colpe, saranno finiti gli alibi e con loro anche noi.