fifaLa disfatta dell’Italia al Mondiale vista dai nostri collaboratori.

FERIE – Più che a 23 uomini che hanno ottenuto le ferie anticipate, penserei alle migliaia di italiani che, dopo le spese folli al Carrefour, le ferie non le vedranno proprio. (Matteo Celeghini)

ALFABETO – Riformare l’alfabeto italiano: dalla A di Abodi (ha portato freschezza alla Serie B, potrebbe fare altrettanto in Figc) alla Z di Zaza (ultimo, ma solo sul registro di classe, degli studenti precari nel nostro calcio). (Matteo Celeghini)

SELFIE – L’unico vero errore della nazionale italiana è stato essere se stessa, fiacca e pavida: una specie di selfie dimensione nazionale. Si dovrebbe prendere esempio dal morso di Suarez: magari viene un poco di fame anche a noi. (Alessio Cappello)

BALOTELLI – Non poteva che essere questa l’uscita di scena se hai come attore principale Balotelli, il giocatore più sopravvalutato di tutti, mai vinto niente, 300 partite giocate male, ogni tanto un tiro venuto bene, stupido come pochi, arrogante. (Francesco Pellegrino)

RENZI – Ennesimo successo del governo Renzi: promette di portare a casa due ragazzi dall’India e ne fa tornare 23 dal Brasile. (Federico Tosco)

SBAGLI – E’ bastata la partita con l’Inghilterra a far dimenticare tutto il male che nel pre-Mondiale si era visto. Chi ha sbagliato e l’ha capito si è già saggiamente messo da parte. Altri no. Ora ricominciamo dai soliti che hanno continuato a remare in tempesta, da attaccanti affidabili e giovani che abbiano un pò di faccia tosta che li aiuti nelle difficoltà, ma sempre con la testa sulle spalle. (Roberto Moschietto)