autunnoL’autunno è quella stagione che lentamente ci riporta alla normale quotidianità, che con dolcezza e timidezza fa dimenticare a poco a poco l’estate appena passata. In autunno le giornate si accorciano e il ritmo quotidiano accelera e si riempie di impegni.

Ma l’autunno non va visto solo come la stagione che ci trascina via dall’estate e dalle vacanze e ci costringe a pensare allo studio e al lavoro.

Ecco sette buoni motivi per amare questa stagione.

-L’arrivo dell’autunno significa giornate più fresche, senza quell’insopportabile afa estiva, diventa più piacevole stare all’aria aperta a qualsiasi ora della giornata, fare lunghe gite e passeggiate o leggere un libro all’ombra di un albero.
-Non va dimenticato che questo periodo è considerato di ”bassa stagione”, si può così approfittare di offerte vantaggiose e viaggi low cost per saziare la voglia di viaggiare e di conoscere.
-Autunno è anche sinonimo di ripresa, di ritorno, è il momento di rivedere colleghi, compagni e amici e scambiarsi lunghi racconti riguardo l’estate appena trascorsa.

 Ma come sempre accade, il meglio deve ancora venire. Ecco così i restanti quattro aspetti, sicuramente non condivisibili da tutti, ma che per me rendono l’autunno la stagione migliore.
-Arriva finalmente il momento di tirare fuori felponi e maglioni e di passare le serate in compagnia di tisane, camomille, libri e film.
-Inoltre in autunno tutti i colori sembrano prendere vita, la luce si fa diversa e rende tutto un poco più vero ed ogni luogo sembra trasformarsi in un dipinto.
-In autunno si passeggia con il ”cric croc” delle foglie sotto i piedi che pare trasportarti in un altro mondo nel quale i pensieri si accavallano. Oppure è l’occasione di ritornare bambini e dopo aver raccolto tutte le foglie in un grande mucchio viene il momento di tuffarsi dentro, e pazienza se dopo saranno da riammucchiare.
-Infine, l’autunno è una stagione forse più malinconica, ma per questo più raccolta, più intima, lontana dal caos estivo. Ognuno dovrebbe (o potrebbe) avere più tempo da dedicare a se stesso.

 Per concludere, credo che chiunque abbia almeno un ottimo motivo per amare un po’ l’autunno, ma nell’attesa che ognuno trovi il proprio, condivido con voi quello di Kierkegaard: ”Per questo preferisco di gran lunga l’autunno alla primavera, perché in autunno si guarda il cielo. In primavera la terra”.