Ieri la Juve ha perso. Tifosi e detrattori fatevene una ragione. Non voglio parlare del gesto tecnico di CR7 (più da Playstation che reale), dell’espulsione di Dybala, della fragilità di sportivi miliardari; non voglio ironizzare su quegli stessi tifosi che ad ogni derby ironizzano su di me; non voglio nemmeno esaltarli perchè hanno applaudito alla rovesciata, che di fatto ha chiuso la partita di ieri sera, perchè nello sport quello è (o dovrebbe essere) il minimo sindacale.

Voglio però far riflettere sul fatto che ieri è stata (forse) la terza partita giocata dalla Juve contro una squadra di pari livello in questa stagione. E siamo ad Aprile.

Fossi maligno direi che ieri la prima in classifica del campionato italiano ha perso in casa contro la terza del campionato spagnolo. Terza a 13 punti dalla prima (un pensiero alla Roma che ci gioca contro stasera).

La Juve solo qualche giorno fa ha vinto passeggiando contro il Milan, squadra blasonata e che ha speso oltre 100 milioni per costruire la sua squadra. Di fatto il campionato italiano è diventato un torneo d’allenamento che, visti i risultati, serve più ai tifosi e al loro ego social, che alle squadre. Juventus in primis.

Perchè un campionato in cui ci sono 3-4 squadre che faticherebbero in serie B, 10-12 squadre che di fatto finiscono il proprio campionato a febbraio-marzo e le rimanenti che “lottano” per arrivare dietro alla prima, è un campionato inutile. Brutto da vedere, brutto da seguire, brutto da commentare. Non a caso fanno più notizia i fatti che avvengono fuori dal campo di gioco.

Bisogna necessariamente alzare il livello delle altre squadre, bisogna dividere equamente i diritti tv (anche in parti uguali nel caso), bisogna tornare ad avere un campionato equilibrato. Bisogna, e qui in pochi saranno d’accordo, tornare ad avere un campionato in cui possano vincere tutte le squadre e non solo 1 più tre o quattro se hanno fortuna con le scelte arbitrali.

Ecco, qua si svela l’ipocrisia di tutto un sistema che per anni ha fatto in modo (con tutti i mezzi, ad ogni costo) che solo poche squadre potessero avere risultati. Scelte miopi che hanno portato ad un campionato appannato.

Ieri la Juve ha perso. Tifosi e detrattori fatevene una ragione, c’è ancora il ritorno.

Immagine Tratta da Fotografie Segnanti