arton4788-2678fLa delegazione tecnica inviata dalla casata Junckerster (il cui motto è: ‘i debiti si pagano sempre davanti ad un buon bicchiere’) si avvicina alla rigogliosa città d’oltre oceano. A dominare la città l’iconico titano che simboleggia la forza della città di Braavos. Il compito è arduo: trattare con il Fondo Monetario di Braavos.john snow

La guerra portata avanti dalle truppe di Stannis ‘Alexis’ Baratheon hanno drenato molte risorse alle casse dei 28 Regni Uniti e l’atteggiamento a tratti benevolo dei guardiani della Stabilità monetaria di Francoforte verso il suo esercito non fa ben capire come evolverà la faccenda. Il capo dei guardiani Jon ‘Sangue di Draghi’ Snow, figlio illegittimo di Eddard ‘Delors’ Stark non è interessato tanto alle vicende terrene, ma quanto a combattere la montante orda dei non morti che, ora, da oltre Reno (nella zona anticamente definita Francia) minacciano la Stabilità Monetaria ed i Regni Uniti tutti ritornando come un incubo che ci si era dimenticati per 70 anni e che si era pensato essere annientati dopo averli scacciati dal continente occidentale.infophoto_20120515_110311322_low_p00010299232

Il capo dei guardiani si rende conto del continuo decremento demografico e negli arruolamenti del continente occidentale e per questo è disposto ad accettare un trasferimento di manodopera dei Bruti da oltre Reno, ma questo genera non pochi malumori. Alliser ‘Salvini’ Thorne in particolare capisce come questo potrebbe essere un buon modo per prendere il potere cavalcando il malcontento, in particolare se la prende con Samwell ‘Marina Militare’ Tarly colpevole di aver salvato una bruta. Ma Stannis ‘Alexis’ Baratheon ha due gatte da pelare oltre i nemici che deve affrontare: il suo fedele cavaliere della Feta Davos ‘Varoufakis’ Seaworth, spesso critico con lui nonostante la sua fedeltà, e la sua nera amante Melisandre ‘Kammenos’, che lo incita spesso a scelte molto controverse in nome degli dei e della tradizione.junck

A subire in particolare questa relazione è la moglie del nostro prode che si vede tradita continuamente con una tradizionalista e conservatrice nera. Intanto ad oriente la Daenerys ‘Grybauskaitė’ (antica lingua dothraki per definire colei che combatte i rossi e gli orsi) Targaryen sente la minaccia forte delle antiche tradizioni imperialiste e schiaviste del continente orientale e lentamente sta cercando di mettere insieme le forze che le permetteranno di ritornare ai pieno titolo tra i Grandi del continente occidentale e al contempo portare avanti le sue politiche contro lo schiavismo e l’imperialismo. Nonostante trovi validi alleati nelle città Baltiche unite le minacce interne dei tradizionalisti non mancano e alle porte c’è sempre l’antica minaccia Dothraki…

77ç ÄÅÈ - ÏÌÉËÉÁ ÊÏ ÓÕÑÉÆÁ ÁËÅÎÇ ÔÓÉÐÑÁ ÓÅ ÐÁÑÁÃÙÃÉÊÏÕÓ ÖÏÑÅÉÓ ÔÇÓ ÈÅÓÓÁËÏÍÉÊÇÓ

Neppure in casa Junckerster le cose vanno bene: la fronda interna è forte. La morte di Tywin ‘Kohl’ Junckerster ha infatti portato scompiglio e si sente la mancanza della sua capacità di gestione. Cersei ‘Angela’ Junckerster non è minimamente al suo livello e si ritrova più volte ad essere umiliata nonostante abbia a disposizioni combattenti potenti quali Grecor Ulrich Clegane detto ‘La Montagna industriosa del BDI’ o consiglieri pratici delle arti magiche della finanza quali Qyburn Schauble. Come se non bastasse il nuovo Alto Passero (uno che viene da un paese perennemente in crisi economica) ha cominciato a tenere il fiato sul collo degli Junckerster cominciando a parlare di poveri e ambiente per assicurarsi il supporto popolare ed una reale influenza sul potere temporale. Inoltre il Re dei 28 Regni Uniti Tommen Tusk Baratheon si sta dimostrando ragazzo di poco polso pur se di buoni sentimenti.8540659103_9822fbdf28_o

Sullo sfondo intanto si giocano sporchi giochi di potere. I Bolton, alleati degli Junckerster dopo un veloce cambiamento di alleanze, puntano ad ottenere il controllo totale del strategico nord obbligando, dopo continue vessazioni, pure Sansa Thorning-Schmidt Stark a fuggire con l’aiuto del figlio dei fiordi Theon Harald Greyjoy, Greyjoy che pur vantando una grande lotta contro gli Stark ed il Regno dei 28 non poterono che piegarsi ad esso ottennendo un vasallaggio economico pur senza controparti politiche tagliate per la stessa incapacità di Theon che cadde nella trappola pianificata dai Bolton.stark

I Bolton sono alleati degli Junckerster, ma Roose Cameron Bolton ha già dimostrato di essere un approfittatore e si pensa che abbia progetti ben più grandi. Di certo si sà che allo stato attuale sono tra i più grandi avversari di Stannis ‘Alexis’ Baratheon e le sue forze speciali partite dalla city hanno già inflitto gravi danni alle forze di questo tramite ardite manovre speculative invernali. Nel continente orientale la Targaryen è avvicinata da ex alti funzionari dei 28 Regni Uniti e membri reietti di casa Junckerster alla ricerca di un rimpiazzo in grado di garantire stabilità ai Regni Uniti al posto di Cersei ‘Angela’ Junckester. Per non parlare di quanto avviene nella assolata Dorne dove Doran ‘Matteo’ Martell, alleato esterno degli Junckerster è insidiato dalle serpi interne alla sua stessa casa che vogliono far saltare l’alleanza rovinando il matrimonio di interessi, nonchè di vero amore, tra sua figlia Trystana ‘Mogherini’ Martell ed il giovane Myrcello ‘Johannes Hahn’ Junckester nel tentativo di spodestare il principe Doran considerato troppo morbido verso gli Junckerster.merkel

E mentre la delegazione tecnica si avvicina a Braavos da qualche parte oltre Reno il povero figlio di Eddard ‘Delors’ Stark, Bran ‘Hollande’ Stark, continua a vagare in fuga alla ricerca di una soluzione per combattere i non morti non accorgendosi di avere vicino a se uno dei pochi in grado di parlare al cuore dei non morti, sedere saggiamente sul Trono di Spade e far felice ogni eventuale regina evitando il 90% dei problemi e delle guerre: Hodor.

(di Umberto Banchieri)