Siamo alle solite. Uno non si può rilassare un attimo che SBAM!, Papa Francesco se ne salta fuori con la solita riflessione a caso. E dico a caso perché di tutto quello di cui si può e si deve parlare, Francy tira fuori l’argomento “Tradimento”.

Lo sappiamo tutti che l’adulterio è vietato da uno dei dieci comandamenti. Magari non ci ricordiamo la citazione, ma più o meno una cosa del genere c’era scritta sulle tavole della legge. Ecco. Io capisco che la Chiesa sia sempre mille passi indietro. Capisco che ci si metta parecchio tempo a far evolvere un qualcosa di così macchinoso ed arrugginito. Però qua siamo proprio oltre. France’, che sei contro l’aborto ok (in realtà no, ma va beh), ma sul fatto che una/o si debba tenere le corna in nome di un presunto amore… quest’idea è talmente vecchia che ha fatto il giro ed è di nuovo di moda.

Lo so che è banale dirlo, ma siamo nel 2018. Qua il problema non sussiste neanche più: mai sentito parlare di amore liquido? Ma senza andare troppo nel filosofico e nel gggiovane, quando mai uno deve voltarsi in caso di tradimento? Fammi capire, mi devo vergognare io? Devo far finta di niente? L’amor proprio l’abbiamo mandato alle ortiche, pare. E non mi si venga a dire che confronto all’amore superiore l’individualità non vale nulla, perché non mi pare che il tradimento sia ascrivibile a qualcosa di diverso se non all’egoismo.

Dunque ‘amate e perdonatevi tra voi’, ma fatelo con coscienza; è il rispetto che conta, prima dell’amore superiore. Perché alla fine è così che nascono gli abusi, perché si perdona sempre tutto in nome dell’amore.