glenn-Dobbiamo recuperare il borsone con le armi!
-D’accordo, ci vado da solo, mi muovere più in fretta. Voi copritemi le spalle.
-Sei coraggioso per essere un cinese.
-Sono coreano.
-Vabbè, tanto è uguale.

Esatto! È proprio una scena di The walking dead (per gli appassionati, stagione 1, episodio 4). Comunque, tu stai guardando quattro disperati circondati da zombie che pur di recuperare delle armi mettono in pericolo la propria vita. Scena super adrenalinica, Glenn (il coreano di cui sopra) si sta per lanciare nell’azione e SBAM!, stereotipo. Che fa un sacco ridere, tra l’altro: sia perché a dirlo è quel simpaticone di Daryl, sia perché tutti abbiamo pensato che in effetti dai, sono tutti uguali. Alla fine che differenza c’è tra un cinese, un coreano o un giapponese? Oppure tra un tibetano e un thailandese? Nessuna, a parte quella culturale. Ah, e linguistica. Anche quella geografica. Mmm, religiosa forse. Storica. Boh, in effetti non ci vedo nessuna differenza.

-Ma non hai capito! Io intendevo fisicamente; dai, vuoi dirmi che sai distinguere ad occhio un cinese da un coreano?
-Aaah, allora okay. Scusa, non avevo capito che era solo una questione estetica. Però aspetta un attimo chi me lo dice che tu sia italiano?
-Ma che stai dicendo? Mica sembro cinese io!
-Sì sì, hai ragione. Ma potresti benissimo essere spagnolo, o portoghese, o francese.
-No no un momento! Ok spagnolo, va bene portoghese, ma francese no!
-Oh scusa, non volevo offendere. Però potresti esserlo.
-Ma va! Io non sembro francese. I francesi sono tutti…

No, fermo! Dei francesi parliamo un’altra volta. Torniamo agli asiatici, che come si sa sono tutti uguali. Ma tu pensa se qualcuno dicesse a Kim Jong-un che sembra uno della Corea del Sud. Quello è capace che ti lega su un missile nucleare e ti ci spedisce, in Corea del Sud. Oppure prova a dire ad un tibetano… ah no, loro sono tutti pacifisti (viva gli stereotipi!). Se ci pensate gli stereotipi sugli asiatici sono dappertutto. Tanto per citare un’altra serie: in Lost ad una coreana viene chiesto se proviene dalla Corea buona o da quella cattiva. Uh, e invece l’avete sentita questa? La donna che ha inventato la frase “gli uomini sono tutti uguali” era cinese e aveva perso suo marito nella folla!

Ci sono davvero un’infinità di battute sugli asiatici, e bisogna ammettere che alcune sono divertenti. Però il fatto che siano tutti uguali è solo uno stereotipo, dai. Alla fine non si somigliano nemmeno tanto. Sì, hanno gli occhi a mandorla. E i capelli neri. E sono un po’ bassini. Avevi ragione, sono tutti uguali.

-Visto? Te l’avevo detto! E comunque i francesi sono sporchi.