Ho conosciuto Lisbona in una calda mattina di metà agosto.

Grazie ai suoi quartieri, cosi vicini ma al contempo cosi diversi, ho scoperto giorno dopo giorno una città ricca di spunti e sfaccettature diverse tra loro.

L’Alfama ti attrae con i suoi vicoli, ti fa perdere tra le sue stradine, in cui negozi di piccolo artigiani si alternano a caffè e pub storici, per poi regalarti punti panoramici da cartolina. Belem racconta la storia di questa citta, con i suoi monumenti e la sua famosa torre, insieme alle sue case di cui i muri sono ricoperti dalle tipiche piastrelle portoghesi (azulejos).

Il Barrio Alto e Pink Street ci ricordano che Lisbona è anche e soprattutto una città giovane, in cui i Pub e locali si riempiono di ragazzi pronti a far festa fino al mattino, in qualsiasi giorno della settimana. Il Time Out Market e i tanti ristoranti tipici a base di pesce ci ricordano come la cucina della capitale, e più in generale del Portogallo, abbia una tradizione importante e che va assolutamente provata ed assaporata.

Amo Lisbona perchè sa mescolare in essa cultura, tradizione e divertimento rendendola cosi adatta a qualsiasi tipo di turista voglia visitarla: che sia una coppia, un gruppo di amici, la famiglia o un viaggiatore solitario.