HatersIl 2016 è iniziato da poco più di due mesi e io già non lo sopporto più. Sarà che sono polemica, sarà che non ho pazienza. Insomma, sarà quel che sarà; intanto, eccovi una lista delle sette cose che hanno massacrato la mia e, scommetto, anche la vostra sopportazione.

P-E-T-A-L-O-S-O. Petaloso. “Mi sembrava una bella parola”: a me invece lei sembra un’idiota. Senza contare il fatto che è già stata usata decenni fa. Senza contare che il mestiere dell’insegnante è quello, appunto, di insegnare e non di procacciarsi un quarto d’ora di gloria. Ma come fa tutto questo ad essere diventato un fenomeno mediatico? Adesso siamo tutti dei cruscaioli (aggiungiamo anche questa al dizionario?), ma se scrivo su Facebook “Il più bel fior ne coglie” mi chiedono da quale cantante rap l’ho presa. Ormai non c’è più da chiedersi nemmeno il perché: la fama si conquista a colpi di like. E comunque, “petaloso” non entrerà in nessun dizionario. Parola di linguista.

GLI UNIVERSITARI IN SESSIONE INVERNALE. Eddai, lo abbiamo capito che siete sommersi di esami che nessuno prima di voi ha mai passato perché voi siete UNIVERSITARI! Oh sì, sono universitaria anch’io, e anche io ho avuto alcuni esami: proprio per questo so che postare foto con annessi hashtag del tipo “workhard” o “questaunicidistrugge” non serve di certo e far entrare in testa il paragrafo più difficile del libro. Perciò vi prego, continuate, così per lo meno avrò sempre materiale su cui scrivere.image

LICEALI PRE-MATURITA’. Volete sapere un segreto? La maturità non vi farà diventare davvero maturi! Sì certo, lo stress è tanto e imparare a gestirlo è un grande passo, ma che usciate con 62 oppure con 100 e lode non fa alcuna differenza. Non siete un numero, l’unica cosa che conta alla fine è quello che avete imparato; e non intendo a livello scolastico, ma a livello di vita. Perciò evitate di esagerare con lo studio, fatevi una passeggiata e soprattutto smettetela di ricordarci che tra tre mesi avrete un esame.

Donald_Trump_August_19,_2015_(cropped)DONALD TRUMP. Tu, Salvini Super Sayan livello 3. Ogni tanto ti ascolti mentre parli? Li leggi i discorsi prima di pronunciarli? Sono certa che tu sia molto furbo. Non so a quante idee tra quelle che difendi tu creda davvero, ma sinceramente hai un po’ rotto. Pensi di essere l’Hitler del terzo millennio? Per me sei solo un buffone. Un buffone parecchio noioso, a dirla tutta.

I MEME SU LEONARDO DiCAPRIO. Si meritava l’Oscar? Non stavolta. L’ha vinto? Sì, e sono contenta per lui. Ma non è l’unico, dai! Parliamo di Morricone, che vince l’Oscar alla carriera prima di quello per la miglio colonna sonora. E che dire di Tom Hardy e Mark Ruffalo? In ogni caso, spero che ora la smetterete di postare le spassosissime immagini di Leo. Magari chissà, la finirete anche di ripetere che “lui l’Oscar se lo meritava già per Titanic”.

LA STEPCHILD ADOPTION. Innanzitutto: non sapete l’inglese? Evitate di storpiare le parole, per favore. E poi: non sapete l’inglese? Allora fatevi una cultura, e cercate di capire che cosa vogliono dire queste due parole. Perché fino ad “adozione” ci siamo, forse arriviamo addirittura a “bambino”. Ma con la parola “step” le cose si fanno complesse. Sarà un nuovo metodo di allenamento in palestra? Un modo sbagliato di scrivere “stop”? no, amici miei, non è nulla di tutto ciò. Non consentirà alle coppie gay di avere i diritti che spettano loro da sempre, né renderà meno cattolico il nostro laicissimo Belpaese. Non consentirà al Gender (il nuovo uomo nero) di deviare le menti pure dei bambini e non spianerà la strada alla pedofilia e alla zoofilia. Fatevi il favore di informarvi, e se proprio non avete voglia almeno fatemi il favore di tenere la bocca chiusa.

Per chiudere in bellezza, LA SFIDA TRA UNIVERSITA’. Partiamo dal presupposto, per chi non lo sapesse, che sono in molti a dividere le università in seria A e serie B. peruna-scena-del-film-lezione-21-esordio-alla-regia-dello-scrittore-alessandro-baricco-80621 farla breve, quasi tutte le facoltà scientifiche (escluse facoltà tipo geologia, credo) sono di seri A, mentre quelle umanistiche (tranne giurisprudenza e forse economia) sono di serie B. Si sta scatenando una polemica impressionante tra quelli che “ahahah che cazzata scienza delle merendine” (alias scienze politiche, o strategiche, o comunque roba non scientifica) e altri che “ma che ne sapete voi, che fate solo due più due”. Ora parliamoci chiaro. Amo la filosofia, ma nella vita non mi servirà mai a niente. Odio la chimica, ma Walter White mi ha dimostrato che è molto utile. Che fare? Ho una proposta semplice semplice: perché non facciamo che ognuno studia quello che gli pare e se ne sbatte altamente del giudizio degli altri? Perché sì, io farò anche una materia estremamente utile (lingue straniere), ma non per questo devo screditare quelle che a quanto pare non lo sono, come lettere antiche o scienza della comunicazione. E, detto sinceramente, l’unico interesse che provo verso i futuri medici e giudici che pensano di essere migliori dura quel tanto che basta a mandarceli. Comunque, a dirla tutta, io difendo le facoltà inutili. Non siamo animali, non dobbiamo sopravvivere. Siamo esseri umani, e siamo nati per oltrepassare il mero restare in vita.