Dopo la clamorosa scoperta del Tg Leonardo – che nel 2015 parlò di un supervirus creato nei laboratori cinesi – subito rilanciata dal futuro presidente della Repubblica Matteo Salvini, abbiamo scavato per giorni negli archivi del deep web, quello dove scorrazzano gli hacker. Queste sono solo alcune delle cose che abbiamo scovato, altre non possiamo ancora pubblicarle.

Era il primo weekend di Formula 1 e la Ferrari stava per prendere una batosta tale che ha scelto di diffondere il virus nel paddock per guadagnare tempo. Tanto quelli della McLaren sono un pò orientali, anche se giapponesi. Non se ne accorgerà nessuno. Pare che Vettel abbia addirittura provato a travestirsi da Corona-virus sexy per sedurre Hamilton. I baffi l’hanno fregato.

Dopo la sconfitta imbarazzante contro il Lione, Agnelli ha deciso di provare a far fuori Sarri in qualche modo, ma come in ogni film complottista che si rispetti, c’è stato il colpo di scena. Avendo fiutato il possibile tranello, Sarri ha spinto per rinnovare il contratto a un suo fedelissimo da anni. Così Rugani, passato da centrale difensivo ad assaggiatore ufficiale, è stato contagiato.

Appendino e Sala, stavano perdendo popolarità nei sondaggi. Troppo smog, troppi blocchi del traffico. Se la prendevano tutti con loro: il Suv va mostrato, se lo blocchi, si blocca Milano intera figa. Allora, visto che a Wuhan era tornata respirabile l’aria, perché non organizzare anche qui uno scherzone da virus? Taac, tutti a casa e aria limpida. Circolano voci però. Eh si, pare che Greta non ce la facesse più da sola e avesse bisogno di aiuto. Da un paio di mesi si fa chiamare “l’architetto”. Coincidenze? Io non credo.

Come far passare la brexit inosservata? Creando un virus in collaborazione con gli Stati Uniti. Ma chi degli inglesi potrebbe aver avuto un pensiero tanto subdolo? Pare che il mai futuro Re, stanco di avere la madre tra i piedi, abbia cominciato il tutto. Sai com’è, colpisce per lo più gli anziani. Poi si è accorto di essere già lui parecchio anziano e ha lasciato perdere. Ha nascosto tutto nel cassetto dei calzini. A quel punto Harry, in giro a cercare la paghetta nascosta, ha colto la palla al balzo per fare lo stesso con lui. Non fare agli altri dicevano.. Tuttavia, presi dalla fretta, si son fatti beccare dalla vecchia, avvisata pare da un’amica d’infanzia che si fa chiamare Jessica… Jessica Fletcher. Esiliati in Canada.

Bill Gates, alleatosi con i principali operatori di telefonia e internet, ha provato per 5 anni a far aumentare la necessità della rete internet nelle case delle persone dichiarando che un virus avrebbe decimato la popolazione. Dato che i costi per gli utenti andavano ormai al ribasso da troppo tempo in una guerra all’offerta più economica, ha rispolverato la vecchia idea. La pandemia, che ora costringe tutti in casa schiavi della rete, è stata una mano santa per le tasche dei ricchi magnati della telefonia e informatica. Il giorno in cui staccheranno la spina, genereranno il caos! Finalmente faremo la rivoluzione.

Trump ha capito che in medio oriente non ci sono più pozzi da spremere. Tra dieselgate, russiagate e gatorade non si sa più che pesci pigliare. Quale miglior modo per risalire la china senza ricorrere alla buon vecchia guerra ventennale, se non affondare i principali concorrenti? La Cina, l’India…l’Italia. No vabbè, qua si tratta solo di avere un pò più di posto per i missili nucleari. Guarda un pò, Trump annuncia che è tutta colpa dei cinesi, offre 1 miliardo di dollari per avere il vaccino in esclusiva per gli States e cambia lucida labbra. Tre indizi, fanno una prova. L’unico problema è che i cinesi sono più svegli di noi, sennò non sarebbero 89373 miliardi, ed escono in due mesi dal pericolo. Mi sa che avremo missili cinesi fra qualche tempo.

La lobby dei negozietti sotto casa si è alleata con gli altri centomila ex proprietari di negozietti sotto casa che hanno chiuso per colpa delle grandi catene di supermercati. La colletta da 2 euro a testa che fino al giorno prima facevano per il collega in odore di pensione, l’hanno investita per ingaggiare Ethan Hunt. In effetti lui sarebbe senza macchia, ma il suo “parroco” gliene ha dette quattro. La natura, l’universo, bla bla bla, bla bla bla. In un amen siamo tutti a rischio contagio, ma i canali di Venezia non vedevano così tanto pesce dall’era protozoica. Non parliamo dei negozietti sotto casa. In casa tengono sempre un familiare malato, a rotazione, così da poter infettare i clienti. Così facendo continuano ad avere entrate straordinarie come la crema pasticciera di Iginio Massari.

Tutti gli aspiranti medici che sostengono il test universitario ogni anno, si sono scocciati di essere sempre 6 volte tanto i posti disponibili, parecchi dei quali sono riservati ai cinesi, guarda un pò. Qualcuno ha virato su altre discipline, alcuni in chimica, altri hanno aperto studi non autorizzati. Ci sono guaritori e anche scienziati privati. Proprio questi hanno pensato che l’unico modo per diventare necessari era aumentare la domanda di medici. Quale idea più geniale? Quella da parte del governo di richiamare i medici in pensione. Che bastonata sul mignolino del piede.

Come da copione della migliore commedia anni 2000 americana, i figli, stanchi di essere abbandonati a loro stessi, hanno preso la situazione in mano. Hanno così creato un virus col piccolo chimico regalatogli da zio walter a Natale “perché così sta bravo e si tiene occupato”. Una volta confezionato il tutto, hanno contagiato i loro genitori nascondendo il virus in alcune prelibatezze preparate con la cucina “Pasta e Pizza”. La scusa era che così avrebbero potuto mangiare durante il volo per il loro weekend a Singapore senza figli al seguito. Una volta abboccati, non hanno più potuto fare ritorno dai loro figli che ora dirigono l’azienda al posto loro, con l’intento, pare, di provare ogni giorno a conquistare il mondo. Unico intoppo: hanno fatto scalo a Wuhan.