[youtube url=”https://www.youtube.com/watch?v=el8Ydwh0QlQ” width=”560″ height=”315″]

Dalle notizie diffuse nelle ultime ore pare che Facebook abbia deciso di eliminare la funzione di messaggistica interna alla propria App costringendo gli utenti a spostarsi sulla parallela Messenger.  E mentre alcuni cercano di capire come mai ci sia voluto così tanto tempo per prendere questa decisione, il mondo intero è in ansia per il destino di Whatsapp che pare avere le ore contate. I buoni propositi del giorno sono che se non sai cosa fartene di 19 miliardi di dollari, prima spendili e poi verifica se il tuo acquisto possa essere utile o meno.

Ma per poter fare delle previsioni su quello che sarà il futuro del noto servizio di messaggistica occorre fare qualche passo indietro. In occasione della messa in onda della nuova stagione di Game of Thrones, la piattaforma Hootsuite ha diffuso un video virale nel quale ripropone la nota sigla dello show firmato HBO con qualche modifica: i nomi e gli stemmi delle casate che si contendono i Sette Regni sono stati sostituiti con le icone dei più noti social network. Non esiste modo migliore per descrivere lo scenario in cui ci troviamo: una guerra tra i grandi colossi del Web per capire chi è il più potente. Un conflitto in cui noi siamo inconsapevoli soldati e (in)colpevoli vittime in quanto il successo di una o dell’altra dipende principalmente dal numero di utenti di ciascuna.

Alla luce di questo scenario la previsione è che Facebook non staccherà la spina al suo nuovo giocattolo. E non solo perché Messenger è orientato a un diverso tipo di pubblico, ma anche perché la cinese WeChat è nascosta dietro l’angolo in attesa di guidare un assalto, in quanto il mercato delle App è uno dei pochi in cui la Cina è ancora indietro. La condanna a morte di Whatsapp aprirebbe ai cinesi un portone verso la conquista del mondo (impresa per la quale tra l’altro sono già a buon punto) ed è difficile che a Zuckerberg questo vada bene. Quindi non preoccupatevi amici telefono-dipendenti, la vostra droga continuerà a esistere. Nel caso in cui mi sbagliassi non disperate, dopo due settimane ne troverete sicuramente un’altra.