Non faccio in tempo a vedermi pubblicato un articolo su “cosa siamo diventati”, che scopro nuove storie che danno ulteriori chiavi di lettura a cosa sia oggi la nostra società. Volendo usare termini più adatti a questa storia, dovrei parlare di diversi “layer” di realtà mischiati con la fantascienza di serie B. Ma andiamo con ordine.
Qualche giorno fa su Reddit, specificamente nella sezione r/Drama – una sezione nella quale si discute animatamente di un po’ qualunque argomento, possibilmente controverso – un utente ha postato una foto di due piedi femminili dentro una vasca da bagno con, in primo piano, una mano che sorregge una sigaretta elettronica per lo svapo. Fin qua tutto bene. I due elementi che però hanno creato il vero dibattito sono: nel rubinetto si vede l’immagine riflessa della donna che ha scattato l’immagine con viso sfocato ma seno ben visibile; nella foto è sovrimpressa la didascalia “alexandria ocasio-cortez.instagram.post.9-3-2016” .
Alexandria Ocasio-Cortez è una politica americana molto giovane e neo eletta alla Camera degli Usa. Fin dall’inizio della sua ascesa politica ha saputo mettere in mostra notevoli capacità sia dialettiche che di uso dei social media. Ha moltissimi estimatori tra l’elettorato giovane e delle minoranze etniche ma, per via delle sue posizioni considerate socialiste in America ha anche tanti detrattori tra le persone più conservatrici. Inutile dire che questa foto poteva rappresentare un bello scandalo – in America queste cose contano – per lei e per la sinistra americana. Solo che non è proprio andata così.
La foto, infatti, girava già da almeno un mese su Twitter dopo esser stata pubblicata per la prima volta su un altro famigerato forum, 4Chan, in cui è la norma giri ogni sorta di contenuto, anche quelli che non dovrebbero esistere. La Storia ci insegna che un contenuto pruriginoso e controverso, per diventare realmente virale, ha bisogno di un megafono come Facebook o, appunto, Reddit. Senonchè la foto è stato dimostrato essere una bufala. La spiegazione è arrivata non da un giornalista, non da un debunker di professione ma grazie all’utente Reddit “jokes_on_you”, feticista del piede e attivissimo contributor del sito “WikiFeet”.
L’utente ha infatti spiegato che quei piedi non potevano essere assolutamente della Ocasio-Cortez perché sono notevolmente diversi. Ha dato diverse spiegazioni molto ben argomentate, da vero esperto della materia, che vi risparmio. Per amor di giornalismo investigativo sono andato sul sito in questione ed effettivamente la differenza tra i due tipi di piedi è facilmente visibile, anche al mio occhio inesperto.
La pietra tombale alla discussione è arrivata poco tempo dopo, sempre su Twitter, quando la reale proprietaria dei piedi e autrice della foto si è fatta viva. Si è scoperto, non senza sorpresa, che i piedi appartengono a Sydney Leathers e che la foto era vecchia di anni. Leathers è una attivista politica/cam model/attrice porno che nel 2013 fu coinvolta nello scandalo extraconiugale di Anthony Weiner, famoso politico democratico. La donna ha fatto sapere che “la foto rappresenta molto bene il perché lei non posta più foto di piedi a meno che qualcuno non la paghi adeguatamente”. Quanto è bello l’internet.
Tutto quanto ci pone, però, l’annoso problema della fake news e di cosa sia possibile o meno fare a riguardo. La storia, soprattutto prima di venire dichiarata ufficialmente fake news, è stata ovviamente ripresa da diverse testate, più o meno serie. E’ arrivata su Facebook, nei gruppi più di destra della politica a stelle e strisce, e ancora adesso si può trovare e data per vera.
Motherboard, una sezione della testata online “Vice”, ha raccontato della vicenda e ha sentito l’utente jokes_on_you che gli ha detto una cosa importante e che riassumo: “per come è diventato grande internet, è sempre più difficile sbugiardare le notizie false. Ci sono gruppi Facebook dove la verità o meno, riguardo queste immagini, non è mai messa in dubbio e nei quali girano innumerevoli foto false. E’ relativamente semplice bannare o togliere tutto quello che proviene dai grossi nomi della falsa informazione ma non si può controllare tutto quello che gira online. Oltretutto adesso sappiamo che ci sono organizzazioni private e politiche con molti soldi a disposizione che promuovono un certo tipo di informazioni non verificabili per alimentare certe posizioni politiche. Questo problema, prima di migliorare, peggiorerà ancora.”
L’amante dei piedi femminili ha colto perfettamente nel segno. Ho scelto una storia abbastanza incredibile e divertente proveniente dagli Usa ma avrei potuto sceglierne di molto peggiori italiane. E non sarei nemmeno dovuto andarle a cercare in qualche remoto sito amatoriale, mi sarebbe bastato aprire Repubblica, il Giornale, ecc. Ed è un problema. Le persone, soprattutto le meno scafate riguardo a internet, oramai fanno davvero fatica a capire cosa sia reale o meno, così come un certo tipo di partigianeria acritica li porta a parteggiare a priori per certe posizioni. Le conseguenze le vediamo tutti i giorni ad ogni telegiornale o, più semplicemente, uscendo di casa.
Ben vengano, quindi, tutti i vari debunker, giornalisti d’inchiesta e, se serve, feticisti del piede femminile. Infondo non tutti gli eroi portano un mantello. Alcuni nemmeno gli stivali.