Boeing B-17FNegli anni si sono sempre più diffuse le cosiddette teorie del complottismo. Per quanto bizzarre e prive di qualsiasi fondamento scientifico, hanno fatto breccia in molte persone e sul web sono ormai i siti, gli articoli e i video dedicati a questi argomenti.

 Fa sorridere vedere così tante persone pronte a credere al primo mentecatto che racconta una bella storiella e che dovrebbe a loro avviso rivelare delle verità celate dai governi mondiali. Queste teorie nascono, purtroppo, dall’ignoranza radicata in chi si limita a credere ciecamente senza porsi domande (come dovrebbe fare un buon cristiano), senza utilizzare quella Mente Critica che ha contraddistinto l’Homo Sapiens dalle scimmie. Anche se, va detto, per alcune persone questa evoluzione viene personalmente messa in dubbio.

 Purtroppo sempre più spesso gente assolutamente ignorante in materia mette in dubbio la professionalità e le conoscenze degli esperti del settore, tacciandoli di essere al servizio a volte delle case farmaceutiche, altre volte dei governi e dei servizi segreti. Ultimo fra tutti, la discussa vicenda del Metodo Stamina. Ma prima ancora ci furono (e ci sono ancora) le scie chimiche.

 Proprio questo fenomeno vorrei provare a smentire e smontare, anche se dubito che qualcuno a cui possa servire veramente lo potrà mai leggere. In sintesi: a detta dei complottisti, queste sono scie di sostanze chimiche contenenti metalli pesanti rilasciate dagli aerei governativi per scatenare epidemie o addirittura controllare le menti.

 Ora, io studio chimica e se avessi mai sentito parlare di una roba del genere probabilmente ora non sarei qui a scrivervi ma su un’amaca ai Caraibi a fumare il sigaro, perché sarei schifosamente ricco. Per mia sfortuna tutto ciò è un’enorme bufala. Non sto qui a raccontarvi cosa siano le fantomatiche scie chimiche in realtà, dovete crearvela voi la mente critica, non credetemi senza mettermi in dubbio.

 P.S. Cercate su Wikipedia la pagina “Scia di condensazione”. Basta e avanza.