Va bene, adesso sono davvero stufa. Un deficiente qualunque armato di spray al peperoncino causa la morte (la MORTE, mannaggia) di minorenni e di una mamma e il popolo del web che fa? Si attacca alle questioni più imbecilli che riesce a trovare. Fate pace coi neuroni, perché qua proprio non ci siamo. Ma andiamo con ordine.

1. Tu che te la prendi con Sfera: è successo ad un suo concerto? Non penso che sia stato lui ad usare lo spray come espediente per rubare due orologi, di soldi ne ha già abbastanza.
Non è un buon esempio? No, non lo è. Però non l’ho mai visto in giro con dello spray urticante.
Fa musica che non ti piace? Anche a me fa schifo. “Penso che ancora non siete pronti per questa musica… Ma ai vostri figli piacerà”. E scindiamo i gusti personali dai crimini tipo l’omicidio, per piacere.

2. Tu che te la prendi le nuove generazioni: erano troppo giovani per andare ad un concerto? Può essere, ma questo non ha niente a che vedere con il panico e i decessi: anche un quarantenne sarebbe scappato calpestando i poveracci per terra.
La nostra generazione fa schifo? Che novità, i vecchi non capiscono e i giovani non spiegano. Il mondo va avanti così da sempre. E sì, siamo abbastanza arrabbiati perché il mondo che ci siamo trovati per le mani non è proprio il migliore possibile, ecco.

3. Tu che te la prendi con le vecchie generazioni: ti hanno cresciuto male? Poche scuse, alzati e datti una mossa. Non serve a niente piangersi addosso.
Ti hanno lasciato solo macerie? Quindi? Puoi essere arrabbiato a sedici anni, voler cambiare il mondo a diciotto; ma dai venti in poi devi svegliarti. Il mondo in cui vivi, quello che fa tanto schifo per colpa di altri, ora è nelle tue mani. Perciò hai poco da incolpare i vecchi, perché ora sei tu che non stai facendo niente per migliorarlo.

Un’ultima cosa: queste polemiche di cui ho letto sono sterili e senza senso. Per cui la prossima volta che muore qualcuno e non sapete che dire, evitate i social. Ci fate più bella figura.