futbol es pasionLo avevamo preannunciato: non si placa la polemica. A distanza di una settimana si continua a parlare dei fatti ignobili del Superclásico. Una cosa è certa: il Boca è fuori dalla Libertadores per colpa di alcuni “tifosi”. Oltre all’eliminazione a tavolino dovrà giocare alcune partite internazionali a porte chiuse, ma lo smacco rimarrà per molto tempo.

La polemica ha investito anche i giocatori Xeneizes. Al momento della sospensione della partita, prima di rientrare negli spogliatoi, a gruppo compatto si sono rivolti verso la curva per il consueto saluto ai tifosi. Quella curva che poco prima aveva organizzato l’agguato! Questo gesto ha dimostrato ancora una volta che le barras bravas comandano nel calcio argentino.

Intanto il River avanza ai quarti e becca il Cruzeiro. Anzi le becca dal Cruzerio. A Buenos Aires finisce 1 a 0 per i brasiliani (gol di Marquinhos all’82’) e ora il ritorno a Belo Horizonte sarà una mission impossible.

Ma torniamo allo scandalo. In questi giorni sono emersi filmati, foto, dichiarazioni sulla bomba urticante tirata nella manga addosso ai giocatori del River. Il fenomeno, responsabile del lancio, pare sia un certo Adrián Napolitano, alias “El Panadero. Un elemento di spicco della barra brava della curva 12 del Boca. Insieme a lui sono indagate altre 10 persone che gli ronzavano intorno al momento della deflagrazione.

Ma non è tutto. “El panadero” è conosciuto anche in Società. In rete sono state pubblicate delle foto che lo ritraggono a bordo piscina con Carlos Bianchi (ex allenatore del Boca) e alcuni giocatori in una trasferta nel 2003.

Quello delle barras bravas è stato e resta un problema del calcio argentino: dal 1985 sono stati 103 i morti per faide interne, scontri traIMGP1080 fazioni differenti ed episodi di violenza. Quello che più preoccupa sono i forti legame che personaggi violenti hanno stretto con le stesse Società. Per entrare allo stadio in argentina devi essere iscritto al club e quindi socio. Con questo sistema i violenti riescono ad ottenere finanziamenti e condizionano annualmente le elezioni interne alle società. Inoltre hanno sempre più peso politico nelle scelte dirigenziali e presidenziali e si dice che abbiano anche accordi anche con la polizia. Quando qualcosa non piace scatta la violenza.

Ma in questi giorni si cerca anche di guardare al futuro in modo sano: il tifoso vero è insorto! Anche in Argentina i violenti non devono più esistere. Sui social affezionati del River e del Boca hanno rimarcato il fatto che il calcio deve essere solo passione!

A questo proposito vi propongo i passaggi più significativi di una lettera che un tifoso, padre di un bimbo di 3 anni, ha scritto  ai giocatori del Boca dopo il saluto ai violenti descritto in precedenza.

Soy de Boca y tengo 32 años, mis abuelos de Boca, mi viejo de Boca, mi hijo de 3 años de Boca y mi sobrino de 5 de Boca. Por mi sangre y por la de mi hijo no paso una gota que no sea de Boca. Esta carta es para Orion, el cata Díaz, Gago y Osvaldo, capitanes y referentes de Boca, ojala les llegue.

Sono del Boca e ho 32 anni, i miei nonni sono del Boca, mio padre è del Boca, mio figlio di 3 anni è del Boca e mio nipote di 5 è del Boca. Nel mio sangue e in quello di mio figlio non è mai passata una goccia che non sia del Boca. Questa lettera è per Orion, Diaz, Gago, Osvaldo, capitani e referenti del Boca, speriamo vi arrivi.

IMGP1022…¿Cómo le explico a mi hijo de 3 años que la única actitud que ustedes tuvieron el jueves en la cancha fue saludar a la barra brava como si fuesen dioses, haciendo reverencias? ¿Cómo le explico a mi hijo de 3 años que sus ídolos fueron indiferentes al dolor de personas heridas y quemadas a metros de distancia? ¿Ustedes referentes son conscientes del rol que tienen al ser ídolos de Boca? ¿Son conscientes que los chicos los miran como si fuesen Superman o un superhéroe? El jueves mi hijo se fue a dormir llorando porque Boca no le pudo ganar a River, y yo me fui llorando a la cama porque sentí que los ídolos de mi hijo son de cartón, son cobardes y son propiedad de la mafia.

…Come gli spiego a mio figlio di 3 anni che l’unico atteggiamento che avete avuto giovedì in campo è stato quello di salutare i violenti con un atteggiamento di reverenza? Come gli spiego a mio figlio di 3 anni che i suoi idoli sono stati indifferenti al dolore per i colleghi feriti e ustionati a pochi metri da loro? Voi siete coscienti del ruolo che avete essendo idoli della gente del Boca? Giovedì mio figlio è andato a dormire piangendo perchè il Boca non aveva vinto contro il River, io sono andato a letto piangendo perchè sentivo che gli idoli di mio figlio sono di cartone, codardi e di proprietà della mafia.

…Yo les propongo a los referentes de Boca que asuman el rol que nosotros los hinchas les dimos, el de defender una de las camisetas más gloriosas del mundo en la cancha y en la vida, les propongo que sean ejemplo, les propongo que sean solidarios con sus colegas, les propongo que tengan la dignidad de por lo menos saludar a la cancha entera y no solo a esa pequeña porción de la popular que solo son ladrones que van a la cancha para ver el partido de espaldas.

…Io vorrei che i referenti del Boca si assumano il ruolo che noi tifosi gli diamo, quello di difendere la maglia più gloriosa del mondo in campo e nella vita, vorrei che siano un esempio, che siano solidali con i loro colleghi, che abbiamo la dignità di salutare l’intero stadio e non solo una piccola porzione della curva popolare fatta di ladri che vanno allo stadio per vedere la partita di spalle.

…Yo cometí el tremendo error de enseñarle a mi hijo que River es feo, que River es caca cuando algun conocido lo queria cambiar de vereda, y me reía cuando mi hijo lo repetía, eso para mí y para mi hijo cambia hoy mismo. Ese error como padre no lo cometo más, de ahora en más River es nuestro clásico rival y nada más. Podemos ganar o perder, lo que no podemos es pifiar como personas Yo les pido a ustedes referentes que encuentren la dignidad que no tuvieron el otro día en la cancha y pidan disculpas

…Io ho commesso il tremendo errore di insegnare a mio figlio che il River è brutto, è cacca  e quando qualcuno gli voleva far cambiare squadra ridevo quando lui ripeteva le mie parole. Questo per me e mio figlio cambia oggi stesso. Questo errore che ho fatto come padre non lo commetterò più, da oggi il River è il nostro classico rivale e nulla più. Possiamo vincere o perdere, quello che non possiamo è sbagliare come persone. Io vi chiedo di trovare quella dignità che non avete avuto l’altro giorno in campo e di chiedere scusa.

…Tengan un poquito más de coraje, de humanidad y de amor por los colores de Boca. Nada más…

…Abbiate un po’ di coraggio, di umanità e di amore per i colori del Boca. Niente di più…

Anche il lessico è importante: per comprendere al meglio l’articolo

Barras bravas: gruppi interni alle tifoserie che si contraddistinguono per episodi di violenza

Manga: si intende il tunnel che conduce agli spogliatoi

-El panadero: il panettiere