26 maggio 1949 Torino Simbolo Voglio raccontarvi una storia. Un’amicizia che dura da 65 anni. Era il 4 maggio 1949 e a Torino avvenne la tragedia: l’aereo con la squadra più forte del mondo si schiantava a Superga. La notizia fece, inevitabilmente, il giro del mondo e scosse l’animo di un tal Antonio Liberti.

All’epoca dei fatti Antonio, di chiare origini italiane, viveva a Buenos Aires e di mestiere faceva il presidente. Era il numero uno di una delle società di calcio più importanti di Argentina: il River Plate. Liberti, sconvolto dalla notizia, parlò a giocatori e dirigenti. Bisognava onorare al meglio la memoria dei campioni caduti. La squadra argentina fu l’unica a proporsi per giocare una partita amichevole per aiutare le famiglie delle vittime. E così fu.

Il 26 maggio 1949 venne organizzata una partita destinata a fare la storia. A Torino si sfidarono Torino-Simbolo contro River Plate. Con la maglia granata del Torino-Simbolo giocò una selezione dei migliori calciatori del campionato italiano. Per il River Plate scese in campo la rosa dei titolari. In quel River militava un certo Alfredo Di Stefano che, pochi anni dopo, sarebbe sbarcato a Madrid per vincere tutto con la maglia del Real e passare alla storia come “La Saeta Rubia”. L’amichevole terminò 2-2 e da allora i due Club sono uniti da un legame unico e indissolubile. river granata(1)

Nel corso degli anni sono stati molti i piccoli e grandi gesti che hanno più volte rimarcato questo gemellaggio. Già nel 1949 il presidente del River Liberti omaggiò la dirigenza granata con delle targhe in ricordo dell’amichevole e dell’affetto che legava le due società. Lo stesso presidente consegnò ai vertici granata un trofeo, regalo speciale di Eva Perón. Dopo quella partita per parecchi anni la seconda “camiseta” del River Plate fu granata. L’ultima volta che i “millonarios” indossarono una maglia con questi colori fu nel 1995. Il Toro, in alcune stagioni passate, ha omaggiato il River con una maglia bianca con una banda diagonale granata che ricorda in tutto e per tutto la divisa ufficiale degli argentini.

AMICIZIA TRA TIFOSI
Il gemellaggio però non è solido solo tra le due società. E’ tra i più puri anche quello dei tifosi e si è rinnovato con una marcia da Sassi a Superga il 25 aprile. La marcia è stata organizzata da Mike Duval, responsabile del museo del River Plate e fondatore del Toro Club Buenos Aires. Al suo fianco Domenico Beccaria, presidente e fondatore del Museo del Grande Torino di Grugliasco. Sono anni che i due musei collaborano con scambio di materiale, oggetti storici, fotografie e testimonianze sui 65 anni di storia comune. Durante la camminata sono state effettuate alcune riprese e interviste ai tifosi per un documentario di prossima uscita a Buenos Aires sulla storia del gemellaggio tra le due tifoserie.

Inutile dire che è stata una marcia porta fortuna: a distanza di un giorno dall’omaggio italo-argentino ai caduti di Superga il Toro ha piegato, dopo vent’anni, la juve nel derby cittadino… Ma questa è un’altra storia.marcia superga

Anche il lessico è importante: per comprendere al meglio l’articolo.

Amistad: amicizia
La saeta rubia: la saetta bionda
Camiseta: maglia da calcio