fanatismo argentinoL’autunno caldo argentino è iniziato: difficile trovare notizie che non siano relative ai tre superclásicos in scena di questi tempi. Io però non voglio parlare di questo. Dell’esito dell’eterna sfida River-Boca ne parleremo soltanto a bocce ferme tra qualche giorno. Oggi mi sono alzato con la sindrome da Studio Aperto: voglio scrivere un articolo riempitivo per la mia rubrica prima di dare la linea a Cotto&Mangiato e a Studio Sport. (Tutti ovviamente sanno di cosa sto parlando!).

E voglio farlo analizzando due fatti avvenuti nei giorni passati in Argentina. Logicamente entrambi hanno stretta relazione con il gioco del calcio.

Fatto 1: IL MEDICO INCOMPRESO

Ci troviamo nella provincia argentina di Salta, nord del Paese. Più precisamente all’ospedale  Joaquín Castellanos. In un video pubblicato su internet si assiste a questo dialogo tra chi riprende (il paziente) e il Dottore/Traumatologo di guardia nel pomeriggio:

Paziente: “Doctor, me corté con un vidrio”.el chino Saja

Dottore: “¿No te podes haber cortao a las 17.30… 17.45?”

Paziente: “Dottore, mi sono tagliato con un vetro”

Dottore: “Non potevi tagliarti tra le 17.30 e le 17.45?”

Raccontata così forse non si capisce. Guardando il video tutto è più chiaro. Il dottore infatti risulta impegnato e non ha tempo di assistere i pazienti. Cosa sta facendo? Semplice, guarda giocare Messi!  È incantato nel vedere le gesta della “Pulga” nella partita di Champions League tra Paris Saint-Germain e Barcellona. Manca poco alla fine del primo tempo…tra le 17.30 e le 17.45….cosa vi costa aspettare qualche minuto…

Ovviamente scandalo: il video ha fatto il giro del Paese e del Dottore non si hanno più notizie…Stai a vedere che se il Barça va in finale ce lo ritroviamo a Berlino!

Clicca per Per vedere il video: o digita su Youtube “Un médico de Güemes ignora a sus pacientes por ver un partido”.

Fatto 2: IL BAMBINO EMOTIVO

el nene lloronAltro video e altro boom di visualizzazioni. Il protagonista è un bambino super tifoso del Racing Club di Avellaneda. “El nene”, intervistato da una tv nazionale, dice che il suo giocatore preferito è Sebastian “chino” Saja portiere della squadra. Per lui Saja è il miglior “arquero” del mondo, molto meglio di altri portieri del campionato argentino. Il suo idolo gli ha appena regalato i guanti e, mentre lo racconta al giornalista, scoppia a piangere disperato facendo un’ultima richiesta:

“Quiero entrar a la cancha con vos…y atajar con vos….”

“Voglio entrare in campo con te…e parare con te…”

A questo punto interviene la madre: “lo scorso anno che abbiamo vinto il campionato non piangeva perchè eravamo noi i campioni. Aveva solo paura che “chino” cambiasse squadra!!”.

Per vedere il video:  o digita “el nene que llora por Saja Sebastian”.

…E con questo è tutto. Non mi resta che lasciare la parola ai colleghi di Studio Sport, a tutti voi vi auguro una piacevole giornata…

Anche il lessico è importante: per comprendere al meglio l’articolo

-Cortar: tagliare

-Vidrio: vetro

-Pulga: pulce

-Nene: bambino

-Chino: cinese

-Arquero: portiere

-Cancha: campo da calcio

-Atajar: parare