Autore: Roberto Moschietto

Un ponte di parole

Sono un po’ stufo. Un po’ stanco. Un po’ amareggiato. E anche un po’ frastornato. Tragedie come quella di Genova, portano sempre a riflessioni. C’è chi pensa alle condizioni delle famiglie, distrutte da un evitabile disastro. Chi alla città. Chi alla viabilità ligure in agosto. Chi al fatto che i cani non possano entrare nei ristoranti o in spiaggia ma poi possano salvarti la vita. Chi agli acquedotti romani, ancora in piedi dopo secoli. Chi ai fatti suoi, tanto la Liguria è cara e continuerà a non andarci. Chi a bere vino con gli amici siciliani perché comunque è...

Read More

La politica prima della scienza

Devo fare molta attenzione a cosa scrivo. Ciò che penso davvero è un po’ più colorito, diciamo. Con diplomazia e rispetto per l’opinione altrui, vorrei rivolgermi a chi è stato “colpito” dalle parole di un consigliere 5 stelle del Lazio, il signor Davide Barillari, sulla questione vaccini. Beninteso: mi rivolgo ad altri, perché so che queste parole non giungeranno mai a chi vorrei che le leggesse. E se comunque lo facesse, non sarei comunque preso in considerazione, si sa. (Abito in un paesino piemontese che fa meno di 2000 abitanti, molto Mainstream). Tralasciamo il fatto che chi ha una...

Read More

La cassazione e lo stupro, una riflessione sulle parole

Penso verrò preso a parole. Magari insultato. Ma vorrà dire che chi leggerà quest’articolo non ha capito. La sentenza sullo stupro di una ragazza ubriaca sta mettendo il peperoncino sulle tastiere delle donne italiane. Giustamente ci sono proteste contro questo genere di azioni, che sono a mio avviso tra le peggiori pratiche che delle persone possono usare ad altre. Siano essi bambini, donne o uomini senza distinzione. L’abuso di una persona, la distruzione della sua integrità fa schifo e fa schifo chi la pratica. Detto questo, non sono del tutto d’accordo con l’agitazione che si è creata contro la...

Read More

Il giorno dopo la finale del mondiale

Ehi ciao! – Ciao. Hai visto? – Sai che sorpresa. La Francia è campione del mondo. – Si sapeva già prima che cominciasse il Mondiale. – Perché l’Italia non c’era. – Esatto! Gli è andata bene. Hai visto nell’amichevole pre Mondiale? – Si! Potevamo tranquillamente giocarcela. – Ma poi sta Croazia dove pensava di andare? – Veramente! Mezza Inter e poca Juve. Scuola di sconfitte! Si salva solo Modric.. – L’unico che sa giocare una finale! – Che poi la Francia giocava come le squadrette. Zero gioco! – Sì, tutti chiusi e ripartivano. Da noi il Crotone giocava molto...

Read More

Salvini e la Repubblica dei selfie

Mi aspetto di accendere la tv, fare un pò di zapping e trovarmi in un film: Qualunquemente 2…ma non è così. Purtroppo anni fa c’è stato chi ha fatto campagna elettorale raggiungendo i giovani neri afroamericani grazie ai social e, purtroppo, qualcuno di nostrano l’ha copiato male. Mi immagino la scena: un telefono senza fili come all’elementari. L’ultimo della catena ha capito solo: “Obama ha usato i social”. E da quel momento in avanti in Italia si fa politica sui social. Il momento più triste è stato quando ho scoperto che nei Tg cominciavano ad annunciare i post su...

Read More