Autore: Loris Berardi

Un ministro nel pallone

Ieri, 21 gennaio, il vice-premier Di Maio ha attaccato la Francia. Il tema dello scontro? L’immigrazione ovviamente. Il nostro ministro ha lanciato forti accuse ai Transalpini, arrivando ad accusarli di colonialismo ed ipotizzando anche la reale forza economica del Paese in assenza dello sfruttamento dei territori africani. Beh, la gravità di queste affermazioni, prive di alcuna base verificata, è sotto gli occhi di tutti; la ambasciatrice italiana a Parigi è stata subito convocata per chiarimenti ed il caso diplomatico è scoppiato. Vado a dormire con queste certezze e stamattina, cercando aggiornamenti sulla questione, magari una retromarcia e dei chiarimenti...

Read More

Una scarpa si aggira per l’Europa

Abbiamo il regista, gli attori. Ma tutta questa teatralità nei gesti e nei modi, a cosa porterà? Una scarpa sul foglio, come quando a scuola per fare un dispetto a qualche compagno prendevi la penna e scarabocchiavi il suo quaderno. Già, a chi non è capitato? Però eravamo bambini, un po’ scemotti. Rifacendomi all’epoca della scuola dell’obbligo penso a chi, presa una nota sul registro, provava a minimizzare facendo lo sbruffone, come a dire “chissenefrega della nota”. Il fatto in sé è una cavolata, ma la valenza simbolica che ha, visto l’autore dello stesso, il luogo e soprattutto il...

Read More

E se anche noi un giorno diventassimo un meme?

Negli ultimi tempi, l’importanza dei meme su Facebook e sui social in generale è cresciuta in modo esponenziale. Diciamo che, se non si seguono attentamente gli eventi, può capitare di vedere prima il meme di un fatto accaduto realmente piuttosto che la notizia vera. Smanetto abbastanza online per cercare news e notizie, ma perdersi tra i servizi degli inviati a Genova per il crollo del ponte Morandi è stato così facile che la gaffe della giornalista Sky con il sindaco genovese mi è arrivata prima da Facebook, con rivisitazioni molto esotiche. Ora, questo è stato un errore che ha...

Read More

Bulli e amache – il dibattito sulla rubrica di Serra: è classismo?

“L’Amaca” di Michele Serra del 20 aprile, più che un’amaca è stata un terremoto.  Nella famosa rubrica, è stato trattato il tema del bullismo e della violenza nelle scuole, rivolto però verso i docenti, in relazione ai recenti fatti di cronaca. L’analisi socio-economica del fenomeno, definita da alcuni “classista”, puntava il dito contro gli istituti tecnici e professionali, colpevoli di attirare studenti di minor estrazione sociale e di conseguenza provenienti da famiglie con metodi educativi diciamo discutibili. Ovviamente, una valanga di polemiche è ricaduta sull’autore, perché apparentemente si stava erroneamente facendo di “ogni erba un fascio”. Personalmente, dopo una...

Read More

Sul ponte c’è ancora chi sventola bandiera bianca

Era il 1981 e Franco Battiato cantava “Bandiera Bianca”, brano che per primo superò il tetto del milione di copie vendute, siglando un record per la discografia italiana. Il pezzo, contenuto nell’album “La voce del padrone”, aveva un testo carico di riferimenti e critiche velate, ma nemmeno troppo, alla società ed ai costumi degli anni 70’-80’. A distanza ormai di quasi 40 anni potrebbe sembrare un testo superato, fuori luogo, ma in realtà un azzardato confronto con i nostri giorni è più che mai possibile. Ignorando del tutto o almeno in parte quello che voleva dire Battiato e soffermandosi...

Read More