Autore: Fabrizio Turello

La manovrà anti-povertà e le colpe che partono da lontano

Nella giornata di Venerdì, quando si aspettano solo le 18:00 per chiudere la settimana e dimenticarsi della propria esistenza, il Governo annuncia l’abolizione della povertà. Una dichiarazione dal punto di vista comunicativo empatica con le classi meno agiate, e fortissima sui generis, ma per quanto roboante, difficilmente può collimare con la realtà, poiché la povertà si combatte, ma per ragioni di “massimi sistemi”, ma non si abolisce. L’annuncio in questione arriva al termine di un lungo e duro confronto con il ministro dell’economia Tria che, con tutta forza, ha sempre cercato di rigettare proposte di questo tipo, per poche,...

Read More

Tragedia Ponte Morandi, facciamo chiarezza. Domande e risposte sulla vicenda

A quasi due settimane dalla tragedia del ponte Morandi, in seguito alle passerelle dei vari leader politici, alle polemiche di dubbio valore e dopo un popolo trasformatosi in ingegneri civili – grazie al magico potere conferito dalla virtuale piazza pubblica dei social – ciò che resta sono esclusivamente le laute dosi di sovraesposizione mediatica e informativa che, di certo, non facilitano né la comprensione dell’accaduto in sé, né le ragioni tecniche e politiche delle cause del crollo. In questo clima di perenne campagna elettorale, ovviamente, a trarne guadagno sono le forze politiche che di disinformazione e strumentalizzazione vivono, conservando...

Read More

I giovani che si arrendono, gli ultimi che rischiano di rimanere ultimi

«Mi sono iscritto a sette centri per l’impiego. Fino a qualche mese fa, ogni giorno andavo al centro commerciale a vedere se mettevano degli annunci. Ho provato all’Ikea, a Leroy Merlin. L’ultimo tentativo è stato per un posto da commesso in un negozio di videogiochi. Non servo. Mi scartano sempre. Dopo un po’, ti chiudi. Ci rinunci. Vivi dentro la tua stanza, aspetti che passi il pomeriggio». Queste le parole di un giovane ventunenne di Torino, un ‘Neet’, apparse su La Stampa. Dietro alle parole, ai numeri, alle indagini economiche, alle statistiche, alle classifiche e alle ideologie distorte come...

Read More

La politica e il post-Genova, un pericoloso metodo di comunicazione

Sono passati oramai tre giorni dal fatidico crollo del ponte Morandi a Genova, un crollo che con sé ha portato via trentanove vite, oltre a quindici feriti, di cui nove in gravi condizioni cliniche. Le cause del crollo sono ancora oggi pressoché sconosciute, ma quelle più realistiche – al netto dei grandi ed enfatici titoli giornalistici e delle roboanti dichiarazioni politiche sulla manutenzione – potrebbero essere imputabili a errori progettuali e carichi meccanici derivanti dal flusso di traffico superiore al limite progettuale. Al momento sono stati aperti due procedimenti giudiziari con diversi carichi pendenti: Uno dalla Magistratura italiana e...

Read More

Quelli tra social e realtà

Nella notte di sabato 9 Giugno l’Acquarius ha tratto in salvo 629 migranti al largo delle coste libiche, l’operazione di ricerca e salvataggio è stata condotta dal centro di soccorso marittimo di Roma, questo dettaglio per Malta basta a bloccarne lo sbarco sul proprio suolo rifiutando ogni forma di accoglienza al di fuori del soccorso primario. L’imbarcazione in questione, al momento, è ferma a circa 23 miglia dalle coste italiane e a circa 19 da quelli maltesi in attesa di trovare un approdo sicuro. Valencia, tramite le parole di Sanchez, si è offerta di accoglierli, ma la distanza e...

Read More