Autore: Fabrizio Turello

Quelli tra social e realtà

Nella notte di sabato 9 Giugno l’Acquarius ha tratto in salvo 629 migranti al largo delle coste libiche, l’operazione di ricerca e salvataggio è stata condotta dal centro di soccorso marittimo di Roma, questo dettaglio per Malta basta a bloccarne lo sbarco sul proprio suolo rifiutando ogni forma di accoglienza al di fuori del soccorso primario. L’imbarcazione in questione, al momento, è ferma a circa 23 miglia dalle coste italiane e a circa 19 da quelli maltesi in attesa di trovare un approdo sicuro. Valencia, tramite le parole di Sanchez, si è offerta di accoglierli, ma la distanza e...

Read More

Una seconda Reppubblica è per sempre

Con 171 voti favorevoli, 117 contrari e 25 astenuti, il Governo Conte ottiene la fiducia al Senato della Repubblica: Dopo la nomina da parte del Presidente della Repubblica, questo è il secondo e significativo passo nel processo di insediamento del cosiddetto “Governo del cambiamento”. La centralità del “voto di fiducia”, ovvero quel voto che permette di comprendere se vi sia in entrambi i rami del Parlamento la maggioranza per sostenere l’azione di governo, è da sempre nel discorso alle Camere del Presidente del Consiglio nominato. La seduta di ieri, ovviamente, non ha fatto eccezione. Tale discorso è così fondamentale...

Read More

Con-te non partirò

Conte ha rimesso l’incarico, mentre Mattarella, ha sostalzimente accettato l’idea di tornare alle urne, pur avendo comunicato nel suo discorso che si riserberà il tempo per decidere o per nuove iniziative. Mattarella ha insomma agito a tutela dello Stato italiano, non sta a lui individuare esplicitamente nuovi governi, ma alle forze politiche proporli e comunicare una possibile lista di ministri che, il Presidente della Repubblica può rifiutarsi di accettare in toto o in parte. Il rifiuto di Mattarella è proprio ciò che è accaduto a fronte del pressing politico e mediatico di Salvini di ottenere la nomina da parte...

Read More

L’Irlanda e l’aborto – un momento storico

Le giornate del 25 e del 26 Maggio per gli irlandesi non sono state giornate qualunque, ma momenti nel susseguirsi dei fatti di un paese che significano “storia”. Oltre 3,30 milioni di irlandesi sono stati, infatti, chiamate alle urne per decidere su un tema che oggi, nelle principali campagne elettorali, sta tenendo banco e richiedendo, contemporaneamente, una grande attenzione, ossia: L’Aborto. Un tema, come si diceva poc’anzi, che nelle campagne elettorali permanenti di tutti i principali paesi sviluppati e del cosiddetto secondo mondo, è al centro dell’attenzione dei movimenti religiosi, (specie quelli cattolici di matrice ortodossa o ultra-conservatrice), dei...

Read More

Ricordarsi il valore della memoria

Come ogni anno, nel retroscena delle manifestazioni ufficiali del 25 Aprile, si celebrano sempre alcuni riti che annualmente contribuiscono a far vacillare il senso stesso di questa fondamentale manifestazione, tra questi ci sono quelli dei revisionisti e dei melanconici storici, quelli cui manca il fascismo pur non avendone vissuto nemmeno un minuto, proprio grazie alla lotta di liberazione e all’occupazione degli alleati. Segue poi quella dei radicali che ogni anno cercano di strumentalizzare la festa di tutti i cittadini – un inno alla memoria e ai significati stessi di libertà, democrazia, uguaglianza e socialità, i quattro valori fondativi della...

Read More