Autore: Attilio Celeghini

Ronaldo 1998 -2018 – Forever doppiomento

Invecchiamo tutti. E’ un dato di fatto. Siamo invecchiati noi, sono invecchiati i nostri genitori, i nostri amici. E’ invecchiato il nostro cane. E’ invecchiata la Lega che l’altro giorno urlava Roma ladrona, è invecchiato il Salvini del “senti che puzza arrivano i napoletani”. E invecchieremo ancora. Invecchieranno le nostre auto, invecchieranno le nostre felpe. Invecchieranno i leader del Movimento che Grillo piazzerà negli anni al posto di Di Maio. Invecchierà Berlusconi. Invecchieranno i migranti (no, di questo passo forse loro no). Invecchiano ovviamente i nostri idoli. E qualcuno invecchia con noi. Qualcuno invecchia bene, qualcuno male. Ecco, nel...

Read More

Fabrizione, uno di famiglia

In una puntata dei Simpson, Bart e Lisa ricordano ad Homer e Marge che “in fondo è stata la televisione a crescerci”. Spogliamoci di ogni ipocrisia: è vero. Passavamo ore ed ore davanti al piccolo schermo, quando ancora i programmi e i cartoni avevano le sigle che duravano fino a tre minuti e non venivano sfumate o cancellate dalla pubblicità. Entravano a frotte nei nostri soggiorni, allora privi di modem, vari signori: alcuni ci sembravano un po’ saccenti e boriosi, altri ci facevano ridere a crepapelle, altri ancora si distinguevano per l’educazione e il garbo tipico di quegli zii a...

Read More

Gomorra 3×06: un episodio che vale quanto un’inchiesta di Report

Il sesto episodio della terza stagione di Gomorra, andato ieri in onda su Sky, non è certamente il più violento della serie. Eppure, per certi aspetti, è uno dei più crudi e drammatici di sempre. L’equivalente di un cazzotto, bello dritto sul muso. Le peripezie dei soliti Ciro e Gennaro, per una volta, rischiano di passare in secondo piano. Il vero protagonista dell’episodio è un personaggio mai incontrato in precedenza: Lucio Calori, un uomo di quelli che potremmo definire come molti altri. Disoccupato, e con moglie e figlio disabile da mantenere, Lucio è il simbolo dei tanti ‘invisibili’ resi...

Read More

Il tempo di una testata

Si può scherzare e ridere di qualunque cosa? Appartengo alla corrente di chi pensa che sì, sì può, anche in casi dove sorridere sembra irrispettoso e fuori luogo. Se utilizzata con intelligenza, la comicità può interpretare o rileggere davvero tutto, compresi gli argomenti che per l’opinione pubblica sono tabù. E spesso la risata è la denuncia più efficace. Si pensi al celebre Grande Dittatore, dove Charlie Chaplin parodiò Hitler e Mussolini negli anni in cui la tragedia stava letteralmente devastando l’Europa (ma il creatore di Charlot, va detto, confessò in seguito che se avesse saputo dell’esistenza dei lager forse...

Read More

IdealFlash – A proposito di Povia

Non di rado le esibizioni del buon Giuseppe Povia, soprattutto nei piccoli centri, vengono accompagnate da discussioni e polemiche. Lo sappiamo: il simpatico cantautore milanese da tempo è uno di quei personaggi che si possono definire, semplifichiamo, come ‘controcorrente’ (o come dice lui, ‘non allineato’). I tempi sanremesi de ‘I bambini fanno oh’ e di ‘Vorrei avere il becco’, canzoni amatissime anche dai più piccoli, sono lontani: oggi l’artista scoperto e lanciato dall’infallibile Paolo Bonolis parla di Nuovo (Contro) Ordine Mondiale, ed è un po’ come se tra qualche tempo Peppa Pig iniziasse a trattare nelle sue storie di...

Read More