La mimosa l’avete comprata? Avete fatto gli auguri a mamme, sorelle, fidanzate, mogli, amanti, figlie? Su dai, la festa della donna c’è soltanto una volta all’anno! È il giorno più sessista dell’anno, ma lo celebrerò anche io: dopotutto sono una donna, è anche la mia festa. Ecco dunque la lista di 7 cose che gli uomini si sono scioccamente autoimposti di (non) fare pur di sentirsi virili (sempre secondo le regole autoimposte del sessismo).

1. Gli uomini non possono bere i cocktail, al massimo possono concedersi un Negroni che però evitano perché dai, è un Negroni. E così si trovano con un boccale di birra davanti a scroccare Caipiroska all’amica di turno.

2. Gli uomini devono pagare il conto. Che a noi donne va benissimo, avremmo pure pagato senza problemi ma risparmiare non fa mai male.

3. Gli uomini prendono la macchina. E a noi non serve nemmeno inventare una scusa, perché sappiamo guidare e pure bene, ma tanto “donna al volante, pericolo costante”. Pagate voi anche la benzina, ma che generosi.

4. Gli uomini non possono fare una serie di cose tipo mangiare banane, gelati e ghiaccioli dalla forma cilindrica, depilarsi, abbracciarsi, ballare in certi modi eccetera. Sono cose da donna, o peggio da checca.

5. Gli uomini non possono mostrare i propri sentimenti in modo eccessivo. Niente lacrime, niente dichiarazioni sdolcinate. Sennò che uomo sei?

6. Gli uomini devono saperci fare. Perché non possono essere le donne a provarci per prime, no; sono gli uomini che devono sapere come approcciarsi, come parlare, come muoversi.

7. Gli uomini devono portare a casa lo stipendio. Non importa che vogliano restare a casa coi figli, il congedo per paternità non è da uomini. È la donna che si occupa della casa e dei figli.

Anche di queste cose banalissime si nutre il sessismo, e sono davvero sciocchezze. Uomini, fatevi un favore: la prossima volta che uscite con gli amici prendetevi quel Daiquiri alla fragola che vi piace tanto e lasciate perdere il Negroni.