Qualche settimana fa sono stata in Spagna a trovare due amici in erasmus, una a Zaragoza e l’altro a Valencia. Sono rimasta solo per pochi intensissimi giorni, ma sono bastati per farmi innamorare. Scrivere tutto quello che ho fatto sarebbe decisamente troppo: quindi ecco le 7 cose più fighe che ho fatto in Spagna.

1. Parlare quattro lingue in una sola serata. Non bene, non correttamente: l’importante è la comunicazione. E quando ti ritrovi pizzicata tra un tedesco, un’australiana e due spagnoli ti arrangi come puoi.

2. Finire la serata alle sei del mattino. Perché è normale, anzi è ancora un po’ prestino… Ci facciamo un altro giro?

3. Iniziare la serata all’una di notte. Perché facciamo cena tardi e poi prima dell’una non c’è nessuno.

4. Partecipare al botellón. Cinquanta persone su un prato davanti alla discoteca a bere sangria e parlare del più e del meno: non c’è modo migliore per fare amicizia.

5. Andare in una discoteca all’aperto. Premessa: ho sempre detestato le discoteche. Risultato: se sei su una terrazza da cui vedi tutta Valencia non puoi non ballare.

6. Gironzolare da sola di notte. All’inizio non ero proprio convinta, ma le città di notte hanno fascino indescrivibile.

7. Visitare il più possibile. Sono tornata stremata, ma in Spagna c’è così tanta bellezza che chiudere gli occhi per dormire è quasi uno spreco.